La crisi Covid-19 è una chance per ripensare il capitalismo

di Mariana Mazzucato (The Guardian, 18 marzo 2020)

Professoressa di Economia, University College London

Il mondo è in una situazione critica. La pandemia di Covid-19 si sta rapidamente diffondendo in tutti i paesi, con una scala e una gravità che non si vedevano dalla devastante influenza spagnola del 1918. A meno che non venga intrapresa un’azione coordinata globale per contenerla, il contagio diventerà presto anche economico e finanziario.

L’entità della crisi richiede ai governi di intervenire. E lo stanno facendo. Gli stati stanno iniettando stimoli nell’economia mentre cercano disperatamente di rallentare la diffusione della malattia, per proteggere le popolazioni vulnerabili e contribuire a creare nuove terapie e vaccini. Le dimensioni e l’intensità di questi interventi ricordano un conflitto militare: è una guerra contro la diffusione del virus e il collasso economico.

Eppure c’è un problema. L’intervento necessario richiede una struttura molto diversa da quella scelta dai governi. Dagli anni ’80, ai governi è stato detto di fare un passo indietro e lasciare che le imprese guidino e creino benessere, intervenendo solo allo scopo di risolvere i problemi quando si presentano. Il risultato è che i governi non sono sempre adeguatamente preparati e attrezzati per affrontare crisi come il Covid-19 o l’emergenza climatica. Se i governi attendono il verificarsi di un enorme shock sistemico prima di agire, i preparativi si riveleranno insufficienti.

Nel processo, le istituzioni critiche che forniscono servizi pubblici e beni pubblici in modo più ampio – come il Servizio sanitario nazionale nel Regno Unito, dove dal 2015 si sono registrati tagli alla salute pubblica per il totale di 1 miliardo di sterline – rimangono indebolite.

Il ruolo preminente degli affari nella vita pubblica ha anche portato a una perdita di fiducia in ciò che il governo può ottenere da solo – portando a sua volta a molti partenariati pubblico-privato problematici, che privilegiano gli interessi degli affari rispetto al bene pubblico. Ad esempio, è stato ben documentato che i partenariati pubblico-privato in ricerca e sviluppo spesso favoriscono i “blockbusters” a spese di medicinali meno interessanti dal punto di vista commerciale ma che sono estremamente importanti per la salute pubblica, compresi antibiotici e vaccini per una serie di malattie potenzialmente epidemiche.

Inoltre, manca una rete di sicurezza e protezione per i lavoratori delle società che presentano disuguaglianze crescenti, in particolare per coloro che lavorano nella gig economy (ndr: economia dei lavoretti) senza protezione sociale.

Ma ora abbiamo l’opportunità di usare questa crisi per capire come fare capitalismo in modo diverso. Ciò richiede un ripensamento sul ruolo dei governi: piuttosto che limitarsi a correggere i fallimenti del mercato quando si presentano, dovrebbero spostarsi verso la formazione attiva e la creazione di mercati che garantiscano una crescita sostenibile e inclusiva. Dovrebbero anche garantire che le partnership con le imprese che coinvolgono fondi pubblici siano guidate dagli interessi pubblici e non dai profitti.

Prima di tutto, i governi devono investire e, in alcuni casi, creare istituzioni che aiutino a prevenire le crisi e ci rendano più capaci di gestirle quando si presentano. Il bilancio di emergenza del governo britannico di £ 12 miliardi per il SSN è una mossa benvenuta. Altrettanto importante è l’attenzione agli investimenti a lungo termine per rafforzare i sistemi sanitari, invertendo le tendenze degli ultimi anni. 

In secondo luogo, i governi devono coordinare meglio le attività di ricerca e sviluppo, guidandole verso obiettivi di salute pubblica. La scoperta di vaccini richiederà un coordinamento internazionale su “herculean scale” (ndr: grande scala), come mostrato dal lavoro straordinario della Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI).  

Ma i governi nazionali hanno anche un’enorme responsabilità nel plasmare i mercati guidando l’innovazione per risolvere gli obiettivi pubblici, allo stesso modo di quanto è stato fatto da ambiziose organizzazioni pubbliche come la Defense Advanced Research Projects Agency (Darpa) negli Stati Uniti, che nel tentativo di far comunicare i satelliti, ha finanziato ciò che oggi chiamiamo Internet. Un’iniziativa simile nel settore sanitario garantirebbe che i finanziamenti pubblici siano orientati a risolvere i principali problemi di salute.

In terzo luogo, i governi devono strutturare partenariati pubblico-privato per garantire benefici sia ai cittadini che all’economia. La salute è un settore che riceve globalmente miliardi di fondi pubblici: negli Stati Uniti, il National Institute of Health (NIH) investe $ 40 miliardi all’anno. Dall’epidemia di Sars del 2002, l’NIH ha speso $ 700 milioni in ricerca sul coronavirus. L’ampio finanziamento pubblico destinato all’innovazione sanitaria significa che i governi dovrebbero “governe” il processo per garantire che i prezzi siano equi, che i brevetti non vengano abusati, che l’offerta di medicinali sia salvaguardata e che i profitti vengano reinvestiti nuovamente in innovazione, piuttosto che premiare solo gli azionisti.

E che se sono necessarie forniture di emergenza – come medicinali, letti ospedalieri, maschere o ventilatori – le stesse società che beneficiano di sussidi pubblici nei periodi favorevoli non devono speculare e sovraccaricare i prezzi nei tempi difficili. L’accesso universale ed economicamente sostenibile non è essenziale soltanto a livello nazionale, ma anche internazionale. Ciò è particolarmente cruciale per le pandemie: non c’è spazio per il pensiero nazionalistico, come il tentativo di Donald Trump di acquisire una licenza americana esclusiva per il vaccino contro il coronavirus.

In quarto luogo, è tempo di imparare finalmente le dure lezioni della crisi finanziaria globale del 2008. Poiché le aziende, dalle compagnie aeree al commercio al dettaglio, chiedono salvataggi e altri tipi di assistenza, è importante resistere alla semplice distribuzione di denaro. Possono essere previste condizioni per assicurarsi che i salvataggi siano strutturati in modo da rendere i settori che stanno salvando parte di una nuova economia – incentrata sulla strategia del new green deal per ridurre le emissioni di carbonio e allo stesso tempo investire sui lavoratori assicurandosi che si adattino alle nuove tecnologie. Deve essere fatto ora, mentre il governo ha il sopravvento.

Il Covid-19 mette in evidenza la mancanza di preparazione e resilienza di un’economia sempre più globalizzata e interconnessa; questo non sarà sicuramente l’ultimo caso. Possiamo usare questo momento per portare al centro del capitalismo gli interessi pubblici. Non lasciamo che questa crisi venga sprecata.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn