Difendere la Sanità Pubblica

Il Servizio sanitario nazionale è arrivato impreparato allo scontro con il COVID-19.  Certo, i campanelli di allarme sono stati molteplici, ma tutti sistematicamente ignorati. La Sanità Pubblica ha infatti subito un lento e continuo indebolimento. La Sanità Pubblica è reduce da anni di de-finanziamento, tagli dei posti letto, riduzioni del personale, impoverimento della medicina territoriale e della prevenzione.

 

Nonostante ciò, è stata in grado di far fronte alla situazione di emergenza grazie alla professionalità e alla dedizione dei suoi operatori.Non basta il forte sentimento di gratitudine verso tutti gli operatori, che pure è doveroso: è necessario rafforzare la Sanità Pubblica.

Il MMG e il territorio

Venerdì 10 Dicembre 2021

ORE 14.30 - 18.00

Camera dei deputati, Sala Conferenze Nilde Iotti
Palazzo Theodoli Bianchelli, Piazza del Parlamento 19

La conferenza è articolata in due tavole rotonde:

1. LE PROFESSIONI

il punto sulla situazione attuale, in Italia e in Europa, dalla formazione degli operatori alle esperienze in atto, con la partecipazione di qualificati esponenti del settore

2. LA POLITICA, LE ISTITUZIONI

Confronto con i responsabili di settore delle forze politiche, della Conferenza delle Regioni e delle autonomie locali

Introduce:

Nerina Dirindin, presidente Associazione

Intervengono:

Marco Geddes                     direttivo Associazione

Tiziano Carradori                DG AUSL della Romagna

Costantino Troise               presidente ANAAO

Barbara Mangiacavalli      presidente FNOPI

Fabrizio Ghidini                  resp. Salute Federconsumatori

Serena Sorrentino            segr. naz. FP CGIL

Marianna Ferruzzi            segr. naz.FP CISL

Michelangelo Librandi    segr. naz. FP UIL

 

conclude Rosy Bindi, presidente onoraria dell’Associazione

Omicron, Bindi: “Per vaccinare l’Africa liberalizzare i brevetti”

Intervista di Giovanna Casadio, Repubblica.it, 29 Novembre 2021 – “Nella legge di bilancio sulla sanità va tolto il tetto di spesa per il personale. Mancano migliaia di medici, infermieri e professionisti sanitari”. Rosy Bindi, l’ex ministra della Sanità, ex presidente del Pd, cattolica democratica, passa al setaccio le misure contenute nella manovra. Avverte del rischio di trasformare il ministero della Salute in quello dei vaccini, perché in piena pandemia occorre comunque avere uno sguardo d’insieme. Ma soprattutto, mentre la variante Omicron avanza in un continente, l’Africa, con un bassissimo tasso di vaccinazione, torna sulla liberalizzazione dei brevetti dei vaccini: “Vince Big Pharma perché la politica è debole. Ma così perdiamo tutti. È stato dimostrato che i produttori di vaccini incrementano le loro casse di 4 milioni di dollari ogni ora. È accettabile? Si può fare tanto profitto sulla sofferenza delle persone?”.

LEGGI TUTTO

Il PNRR e la riforma dell’assistenza socio sanitaria territoriale

2 Dicembre 2021, ore 16

ASSEMBLEA

della Rete Salute Welfare Territorio, a cui Salute Diritto Fondamentale aderisce

Il PNRR e la riforma dell’assistenza socio sanitaria territoriale. La tutela della Salute e la Cura nei luoghi della vita quotidiana

Si avvicina il termine per l’approvazione della Riforma dell’assistenza territoriale prevista dal PNRR, il Piano di Ripresa e Resilienza. Circolano documenti elaborati dal gruppo di lavoro Stato Regioni coordinato da Agenas su delega del Ministero della Salute. Si tratta di decisioni che riguardano le condizioni di vita e i diritti di milioni di persone, che impongono innovazioni, che coinvolgono direttamente chi lavora nei servizi del welfare sociale e sanitario. Per tutto questo meriterebbero di essere precedute da un grande confronto che coinvolga, accanto alle istituzioni (Governo, Regioni, Comuni), le organizzazioni sociali e sindacali. Questo confronto, che andava promosso dal Governo, non c’è stato. E allora va organizzato dal basso.

LEGGI TUTTO

Critiche sì, insulti no. Lettera al Direttore di quotidianosanita.it

L’immagine è sulla copertina del libro di Carofiglio, citato nella lettera di Marco Geddes da Filicaia Gentile Direttore, ho letto con interesse  l’articolo di Claudio Maria Maffei (Quotidiano Sanità, 15 settembre) che, a commento di un intervento (Bindi, Dirindin, Geddes) effettuato in rappresentanza dell’Associazione Salute Diritto Fondamentale aggiunge, agli indizi di privatizzazione a cui abbiamo

LEGGI TUTTO

PNRR e assistenza sanitaria territoriale. È l’ora delle scelte.

di Gavino Maciocco

Dai prossimi atti del Governo in tema di sanità territoriale si capirà se le risorse del PNRR saranno utilizzate per migliorare la salute della popolazione o per ingrossare il portafoglio della sanità privata. Il PNRR per ora non fa una scelta tra due possibili opzioni e rimanda l’identificazione del modello organizzativo all’approvazione di un decreto ministeriale da adottarsi entro il 31 ottobre 2021. Proviamo ad applicare il dilemma pubblico/privato all’Assistenza domiciliare.

LEGGI TUTTO

Indietro tutta sulla spesa sanitaria nel biennio 2022-2024

di Maria Chiara Giorgi, Il Manifesto, 16/09/2021

Sanità. Si è persa la questione fondamentale che dovrebbe occupare l’agenda politica: ovvero lo strumento che garantisce a tutti e tutte, indistintamente, la tutela della salute, a partire dall’assistenza territoriale e dalla prevenzione, volto a perseguire gli obiettivi di uguaglianza, universalismo, omogeneità territoriale, globalità delle cure Nel tanto parlare di green pass e di terza dose del vaccino, si è persa la questione fondamentale che dovrebbe occupare l’agenda politica: lo stato di salute del nostro Servizio sanitario nazionale (Ssn). Ovvero dello strumento che garantisce a tutti e tutte, indistintamente, la tutela della salute, a partire dall’assistenza territoriale e dalla prevenzione, volto a perseguire gli obiettivi di uguaglianza, universalismo, omogeneità territoriale, globalità delle cure.

LEGGI TUTTO

“PNRR: prendersi cura, come” intervento di Rosy Bindi

Cosa ci ha insegnato la pandemia? Come evitare di sprecare le risorse del PNRR?Come si esce dai problemi seguiti alla “regionalizzazione” del sistema sanitario e alla diversificazione dei modelli? Rosy Bindi risponde alle sollecitazioni di Monica Guerzoni durante il dibattito: “PNRR: prendersi cura, come” alla Festa nazionale dell’Unità.

LEGGI TUTTO

Articolo 32

​La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.
Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.